san benedetto, 11 luglio

San Benedetto morì il 21 marzo 547, a quaranta giorni dalla scomparsa della sorella gemella Scolastica, con la quale ebbe comune sepoltura. La “Lectio Divina” – nutrimento spirituale del monaco- conteneva i presupposti per fare di tale pratica l’elemento stimolante ed unificato della vita intellettuale e spirituale del singolo e della comunità. Fu una confidente di una promessa della Madonna. E’ questa consistenza e questo rilievo nella società che bisogna sottolineare. San Benedetto occupa un posto ben preciso nella storia religiosa del suo secolo e del suo ambiente; rilevante è l sua importanza storica nello sviluppo della chiesa e della società occidentale. Il grande monaco rimane un vero maestro alla cui scuola possiamo imparare l’arte di vivere l’umanesimo vero. Solo allora decise di fondare i primi suoi monasteri nella valle dell’Anio, vicino a Subiaco. II, 36). “Quello che Benedetto aveva creato a Subiaco era qualcosa di nuovo per l’Italia, e per Roma in specie. Senza preghiera non c’è esperienza di Dio. Norcia (Perugia), ca. È considerato il patriarca del monachesimo occidentale. un’Europa libera: con il Vangelo, S.Benedetto vuole uomini liberi e semplici, accoglienti e disponibili, trasmettitori della visione evangelica della vita, affinché questa penetri e fermenti, liberi e potenzi ogni positiva esperienza umana. Voleva piacere a Dio solo; “soli Deo placere desiderans” (II Dial., Prol 1). L'emblema monastico, la croce e l'aratro, diviene espressione di questo modo nuovo di concepire l'ascesi cristiana, preghiera e lavoro, per edificare spiritualmente e materialmente la nuova società, sulle rovine del mondo romano. L’Occidente in quegli anni attraversava una crisi profonda. Tuttavia gli storici hanno notato che il fenomeno monastico benedettino trovò la sua verifica storica più marcata e più diffusa nel resto d’Europa, più che in Italia. Il monastero era – e cerca ancora di essere- una “piccola società ideale” in cui ogni persona è perfettamente integrata. Segui @SantoDiOggi. L’interesse di Roma per la Regola di Benedetto incomincia con Gregorio Magno: egli comprese la grande forza insita nel monachesimo e spalancò ad esso le vie del mondo. Ma il suo pensiero presenta un’etica cristiana e sviluppa un progetto di “uomo sociale”, in cui l’individuo non è “mezzo per”, ma ha la sua chiara identità e unicità. Alla regola benedettina è anche associata una locuzione divenuta molto nota con il tempo: il concetto di ora et labora (prega e lavora). Dopo il periodo scolastico, i genitori lo mandano a Roma per completare gli studi che egli interrompe per ritirarsi a vita solitaria nella valle dell'Aniene, nei pressi di Subiaco. La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Di fatto, l’opera del Santo e, in modo particolare, la sua Regola si rivelarono apportatrici di un autentico fermento spirituale, che mutò nel corso dei secoli, ben al di là dei confini della sua Patria e del suo tempo, il volto dell’Europa, suscitando dopo la caduta dell’unità politica creata dall’impero romano una nuova unità spirituale e culturale, quella della fede cristiana condivisa dai popoli del continente. In questo modo l’uomo diventa sempre più conforme a Cristo e raggiunge la vera autorealizzazione come creatura ad immagine e somiglianza di Dio. Vrbo offers the best alternatives to hotels. / Sac. Nell’anno 529 Benedetto lasciò Subiaco per stabilirsi a Montecassino. ), conoscere (v.tr. Montecassino 2-11 luglio 2017 Montecassino 2-11 luglio 2017 Abbazia Montecassino Official Site “Il Signore attende che noi rispondiamo ogni giorno coi fatti ai suoi santi insegnamenti”, egli afferma (Prol. Il concetto di lavoro in Benedetto è molto più vicino a quello dei germani. 11 LUGLIO . In luglio e in agosto non ci saranno le Messa alle 8.30 e 9.40, ma ci sarà un a sola Messa alle ore 9.15, e poi alle 11.00 e alle 21.15 3. Queste fondazioni influiranno in modo decisivo sull’ambiente circostante, così come attingeranno da esso tradizioni e costumi. Poiché i testi biblici, patristici e liturgici non potevano essere procurati facilmente, nascevano gli “scriptoria” monastici, in cui gruppi di amanuensi copiavano i testi. Il primo è il concetto di stabilitas loci, cioè l’obbligo di risiedere per tutta la vita nello stesso monastero, che si contrapponeva al vagabondaggio, allora piuttosto diffuso tra i monaci. Ma questo tentativo di spiegazione si è rivelato poco convincente, giacché la morte improvvisa di lui non indusse Benedetto a ritornare (II Dial. Accanto alla Bibbia  e ai Padri va ricordata la liturgia che Benedetto aveva codificato con particolare armonia e  cura. Egli però non si fermò a lungo nella Città eterna. Oggi l’Europa – uscita appena da un secolo profondamente ferito da due guerre mondiali e dopo il crollo delle grandi ideologie rivelatesi come tragiche utopie – è alla ricerca della propria identità. Benedetto qualifica la Regola come “minima, tracciata solo per l’inizio” (73,8); in realtà però essa offre indicazioni utili non solo ai monaci, ma anche a tutti coloro che cercano una guida nel loro cammino verso Dio. E’ in questa dialettica che si consolida la tradizione benedettina. La fonte più importante sulla vita di lui è il secondo libro dei Dialoghi di san Gregorio Magno. Matilde di Hackeborn fu una monaca dell'abbazia di Helfta, la sua esperienza mistica venne raccolta nel Liber Gratiae specialis. Per la prima volta, il monachesimo accennava fra noi d assumere uno sviluppo organico, tale da poterlo condurre a formare un elemento autonomo e importante nella società del tempo”. Anche per tale via i monaci daranno all’Europa un’unità culturale e religiosa, valorizzando le tradizioni locali e facendole confluire nell’alveo della tradizione cattolica. Copyright Paolo Antonini P.I. Per creare un’unità nuova e duratura, sono certo importanti gli strumenti politici, economici e giuridici, ma occorre anche suscitare un rinnovamento etico e spirituale che attinga alle radici cristiane del Continente, altrimenti non si può ricostruire l’Europa. UOMO PER I NOSTRI TEMPI San Benedetto occupa un posto ben preciso nella storia religiosa del suo secolo e del suo ambiente; rilevante è l sua importanza storica nello sviluppo della chiesa e della società occidentale. Dopo un periodo di solitudine presso il sacro Speco di Subiaco, passò alla forma cenobitica prima a Subiaco, poi a Montecassino. Montecassino che cessò di appartenere alla geografia per diventare – religiosamente parlando- un tipo di esistenza, un argomento sociale, un termine di confronto nei riguardi del mondo: una vera e propria ‘regola’ di vita. Il Santo del giorno 11 luglio: santo del 11 luglio e altri Santi di questo giorno. Explore a large selection of holiday homes, including flats and apartments, houses & more: over 458 self catering accommodation with reviews for short & long stays. Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI. ), perdonare (v.tr. Ma forse per questo la creazione benedettina produsse frutti più modesti e più tardi sul suolo natale; e i paesi d’Oltralpe ne ebbero i vantaggi più dell’Italia” (op. Così Benedetto, come Abramo, diventò padre di molti popoli.”. con il suo senso della Comunità e dell’unità che si oppone alla massificazione anonima e ai nazionalismi esasperati che stanno risorgendo. San Benedetto da Norcia Abate, patrono d'Europa. L’Abate deve essere insieme un tenero padre e anche un severo maestro (2,24), un vero educatore. p.92-93). Nell’intero secondo libro dei Dialoghi Gregorio ci illustra come la vita di san Benedetto fosse immersa in un’atmosfera di preghiera, fondamento portante della sua esistenza. ), penetrare (v.tr. L’organizzazione diocesana è già solida, anche se persistono tracce di paganesimo, come quello che S.Benedetto stesso estirperà a Montecassino. 45) e chiede ai suoi monaci che “all’Opera di Dio [cioè all’Ufficio Divino o alla Liturgia delle Ore] non si anteponga nulla” (43,3). Di un’epoca –lo abbiamo visto- caratterizzata da profondi cambiamenti e grandi incertezze, S.Benedetto ha sputo cogliere e valorizzare alcuni dati significativi: –          la promulgazione del Codice delle leggi Romane, nel 529, anno di passaggio di Benedetto da Subiaco a Montecassino. S. Benedetto, padre del monachismo d'Occidente, restauratore dello spirito cristiano dei suoi tempi, nacque a Norcia, nell'Umbria, dalla nobile famiglia Anicia nel 480. In Occidente i nuovi popoli, nati della fusione del vecchio elemento latino con le popolazioni germaniche o slave, ricevono alla scuola della Chiesa i primi rudimenti della cultura. Per la sua misura, la sua umanità e il suo sobrio discernimento tra l’essenziale e il secondario nella vita spirituale, essa ha potuto mantenere la sua forza illuminante fino ad oggi. vorrei oggi parlare di san Benedetto, Fondatore del monachesimo occidentale, e anche Patrono del mio pontificato. Al vecchio municipio, con cui l’episcopio si era accomodato in uno stagnante miscuglio di paganesimo e di cristianesimo, doveva succedere il cenobio, incarnazione compiuta della vita dell’Evangelo. Le isole d’Italia, ma soprattutto Roma, furono “invase” da vari tipi di asceti che si spostavano da una regione all’altra d’Italia, e provenivano da tutti i paesi della cristianità. È il patriarca del monachesimo occidentale. La Chiesa romana ebbe nel Secolo V due insigni Pontefici: S.Leone Magno (+ 461) e Gelasio I (+496). Annuaire | UOMO DEL SUO TEMPO. Nel caos e nel rimescolamento dei tempi che seguirono, i monasteri dell’Europa occidentale divennero progressivamente centri di luce e di vita che, in un mondo rudimentale e statico, custodirono e poi diffusero le vestigia della cultura e della spiritualità antiche. San Benedetto Ecogreen compensa il 100% delle sue emissioni di CO2 per avere un impatto zero sull’ambiente. La vita di San Benedetto era immersa in un’atmosfera di preghiera, fondamento della sua vita terrena e della sua esistenza. La Chiesa Ortodossa celebra la sua ricorrenza il 14 marzo. Nel corso di questa evoluzione essi divennero parte, e anzi parti di rilievo e integrante, della società e dell’economia europea. La nascita di san Benedetto viene datata intorno all’anno 480. Ma, ricordiamolo, l’Europa non è un mito conclusivo, un fine ideale o reale, ciò che invece è definitivo è una civiltà elaborata sul Vangelo, in cui la presenza cristiana insisterà concretamente sui diritti dell’uomo e sulla giustizia. Santo del Giorno. Essa fu illuminata da Dottori e Padri della Chiesa come Giovanni Crisostomo, Girolamo, Agostino). 11 Luglio – SAN BENEDETTO Luglio 10th, 2014 . Secondo Gregorio Magno, l’esodo dalla remota valle dell’Anio verso il Monte Cassio – un’altura che, dominando la vasta pianura circostante, è visibile da lontano – riveste un carattere simbolico: la vita monastica nel nascondimento ha una sua ragion d’essere, ma un monastero ha anche una sua finalità pubblica nella vita della Chiesa e della società, deve dare visibilità alla fede come forza di vita. VI S.Gregorio Magno dedica l’intero libro II dei suoi Dialoghi alla figura di S.Benedetto, di cui traccia, più che un abbozzo biografico, un itinerario mistico. Festeggiamenti in onore di San Benedetto, Patrono Primario d'Europa. Alcuni miracoli di guarigione e risurrezione del Santo sono stati ricordati dai Dialoghi scritti da Papa San Gregorio Magno. Se è vero che per alcuni era considerato già un Santo e una figura di riferimento, molti altri non ne compresero fin da subito la forza spirituale e gli andarono contro. La Chiesa, in un’epoca caratterizzata dallo sfacelo del potere imperiale e dalle ingenti migrazioni dei popoli germanici e slavi, rappresentò con i suoi santi e con i suoi vescovi –specialmente quello di Roma- l’unico potere che ancora i barbari rispettavano, e verso il quale i popoli vinti si rivolgevano fiduciosi per avere conforto e protezione. E così, riappacificata la sua anima, era in grado di controllare pienamente le pulsioni dell’io, per essere così un creatore di pace intorno a sé. PUERI CANTORES SACRE' ... | FIER D'ÊTRE CHRETIEN EN 2010 | Annonce des évènements à ve... | All’obbedienza del discepolo deve corrispondere la saggezza dell’Abate, che nel monastero tiene “le veci di Cristo” (2,2; 63,13). Vedendo Dio capì la realtà dell’uomo e la sua missione. Sottolinea, però, che la preghiera è in primo luogo un atto di ascolto (Prol. ), intuire (v.intr. Così, ancora prima della conclusione dei suoi studi, Benedetto lasciò Roma e si ritirò nella solitudine dei monti ad est di Roma. Al tempo della sua infanzia esistevano ancora – ombre del passato – il governo e la cultura di Roma, quando benedetto morì, la Roma del potere papale era sul nascere. Benedetto abbandonò anche il monastero di Subiaco e si diresse verso Cassino, dove fondò il Monastero di Montecassino. Il padre mandò i due gemelli a Roma per compiere gli studi letterari, tuttavia, già in giovane età (a 12 anni), Benedetto manifestò la sua vocazione spirituale: abbandonò i beni paterni, allontanandosi anche dagli studi letterari. Intorno a lui si radunano tutti gli eremiti della zona e Benedetto diviene il fondatore del monachesimo occidentale. SAN BENEDETTO ABATE. Il Santo di Norcia non ha dunque creato la sua istituzione nel vuoto, ma su un terreno già dissodato e coltivato. Ma il suo pensiero presenta un’etica cristiana e sviluppa un progetto di “uomo sociale”, in cui l’individuo non è “mezzo per”, ma ha la sua chiara identità e unicità. San Benedetto da Norcia è venerato da tutte le Chiese cristiane che riconoscono il culto dei santi. Cerca un santo: Venerazione del Giorno. Anche oggi, pur nei limiti delle situazioni e delle possibilità umane, ogni monastero vorrebbe essere un nucleo esemplificativo di preghiera e di lavoro, di fede e di cultura, di carità e di civiltà, premessa e nucleo di un’Europa cristiana. Ratzinger il I° aprile 2005 a Subiaco: “Soltanto attraverso uomini che sono toccati da Dio, Dio può far ritorno preso gli uomini. SAN BENEDETTO DA NORCIA (11 LUGLIO) Cari fratelli e sorelle, vorrei oggi parlare di san Benedetto, Fondatore del monachesimo occidentale, e anche Patrono del mio pontificato. La sua figura, delineata soprattutto nel secondo capitolo della Regola, con un profilo di spirituale bellezza e di esigente impegno, può essere considerata come un autoritratto di Benedetto, poiché – come scrive Gregorio Magno – “il Santo non poté in alcun modo insegnare diversamente da come visse” (Dial. Anche l’organizzazione monastica è in fase di espansione. From an ancient source of well-being in Scorzè to collaboration with international brands: a story of passion, resourcefulness and courage. Artefici impareggiabili di tale “pedagogia” sono i monaci. ), intendere (v.tr. Al tempo di S.Benedetto esiste già dunque un monachesimo ‘italico’, rigoglioso e vario, legato alle autorità ecclesiastiche. (1). Le relazioni di Benedetto oltrepassano la cerchia limitata dell’ambiente ascetico e del popolo circostante i monasteri. Concludendo, mi pare giusto evidenziare come, da quanto ho cercato di dire, appaia chiara la gratuità dell’impegno morale, che il monachesimo benedettino ha offerto – e ancora oggi può  offrire – all’Europa. E’ nata proprio così la realtà che noi chiamiamo “Europa”. e soprattutto con la lode gratuita a Dio, in un tempo in cui tutto pare ‘dovuto’. #2minutiDiVangelo - Sabato 11/07 - San Benedetto: nulla anteporre all'amore di Cristo! Analizzando l’azione e l’opera di Benedetto viene in mente l’espressione di S.Paolo: “Omnia probate, quod bonum est tenete”: Benedetto accoglie della sua epoca ciò che vale e rifiuta ciò che non vale. Benedetto non è stato schiavo del Diritto Romano ma se ne è servito. Questa prospettiva del “biografo” si spiega anche alla luce del contesto generale del suo tempo: a cavallo tra il V e il VI secolo il mondo era sconvolto da una tremenda crisi di valori e di istituzioni, causata dal crollo dell’Impero Romano, dall’invasione dei nuovi popoli e dalla decadenza dei costumi. Santo del Giorno. 45). http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2008/documents/hf_ben-xvi_aud_20080409_it.html. Il periodo in Subiaco, un periodo di solitudine con Dio, fu per Benedetto un tempo di maturazione. IVA 03970540963. Egli evita di parlare nella Regola di ‘contemplazione’ appunto per prendere le distanze dagli ‘otia’ dei romani ‘liberi’ del suo tempo. Si stava preparando e maturando, sotto il patrocinio e la tutela della Chiesa, la concezione medioevale della religione e della vita, della politica e della cultura. All’interno di essa, il Santo qualificò la vita monastica “una scuola del servizio del Signore” (Prol. San Benedetto da Norcia. Abbiamo bisogno di uomini come Benedetto da Norcia il quale, in un tempo di dissipazione e di decadenza, si sprofondò nella solitudine più estrema, riuscendo, dopo tute le purificazioni che dovette subire, a risalire alla luce, a ritornare e a fondare a Montecassino, la città sul monte che, con tante rovine, mise insieme le forze dalle quali si formò un mondo nuovo.

Onomastico Santa Mirella, La Reggia Di Versailles Storia Dell'arte, Ristorante Baia Monte Di Procida, Coroncina Divina Misericordia 2020, Necropoli Vaticana Visita, Maria Sole Mansutti, Officina Del Gusto Savigliano Menù, Istituto Superiore Via Albergotti,35,